< INDIETRO
Partono i lavori per raddoppio Canale di Suez

Suez_Canale_portacontainer_cammelli

A breve tempo dall’annuncio dell’ampliamento di una parte consistente del canale che collega il Mar Rosso con il Mediterraneo i cantieri sono già aperti. Venduto il settanta percento delle obbligazioni emesse per finanziare l’opera.

Suez Canale portacontainer cammelliNel Sinai sono già al lavoro oltre venticinquemila persone che hanno l’obiettivo di terminare entro un anno il raddoppio del Canale di Suez, annunciato poco più di un mese fa dal presidente dell’Egitto Abdel Fattah al-Sisi. Per finanziarlo, il Governo ha emesso obbligazioni per otto miliardi di dollari, che offrono un interesse del dodici percento, ma sono riservate ai soli cittadini egiziani. Che ne hanno approfittato, acquistando finora quasi il settanta percento dell’emissione.
L’ampliamento dell’attuale via d’acqua eliminerà la strozzatura che in un ampio tratto ora impone il transito alternato delle navi. Il progetto contempla sia la realizzazione di un canale parallelo di 34 chilometri, sia l’allargamento dell’attuale alveo per una quarantina di chilometri. Complessivamente, i lavori si estendono per una lunghezza di 72 chilometri. Entro agosto 2015 questi lavori dovrebbero essere completi, riducendo i tempi di attesa delle navi a undici ore.
Il progetto comprende anche una seconda fase, che è aperta agli investitori stranieri e comprende la realizzazione d’infrastrutture ferroviarie e stradali, di porti, industrie e piattaforme logistiche. In particolare, il Governo costruirà un tunnel stradale e uno ferroviario che attraverseranno il canale.

VIA | © TrasportoEuropa

< INDIETRO